preloder

Annuncio di lavoro

Annuncio di lavoro – lo leggo – ok, i requisiti ci sono – cerco la lettera di presentazione salvata in qualche documento word – trovata! – copio ed incollo il tutto nel corpo dell’email – rileggo per intero – ci aggiungo un Distinti Saluti – allego il curriculum vitae – clicco INVIA.
Giorno dopo – squilla il telefono – «Vorremmo incontrarla oggi stesso» – …ok – «il suo profilo professionale corrisponde a quello che cerchiamo» – Wow! – corro, trovo nell’armadio il tailleur giusto – ristampo il curriculum (non si sa mai) – non ho il tempo di cercare informazioni sull’azienda in questione – scendo facendo i gradini a tre a tre – è lontano – è molto lontano.
Arrivo – il contorno non è il massimo, ma mai giudicare un libro dalla copertina – entro – compilo la scheda di presentazione – finalmente è il mio turno – mi fa parlare, parlare, parlare… – Sorride – (mmm…ce l’ho fatta) – Si illumina – (evvai!) – «Mi piaci, sei quello che cerchiamo» – (Yeah!!!) – Abbiamo bisogno di 5 operatrici telefoniche per telecom italia…

 

Mmm…così tu hai scritto un annuncio fasullo, mi hai fatto correre qui, mi hai fatto aspettare un’ora…???
Ho sfoggiato il mio sorriso più bello, mi sentivo Joker…così è uscito lo spirito dell’ex responsabile che ancora risiede in me e sono partita con domande a raffica. Ero più preparata di lei. E lo sapevo. Il colloquio si è ribaltato (non riesco ancora a credere di aver cacciato la cazzimma!!!), l’ho messa in difficoltà, non ha saputo rispondere alle mie domande, incredibile come mi sia divertita…

Così, ho avuto la mia piccola vendetta, ma sono ancora senza lavoro…

Potrebbero interessarti

Sailor Moon

Questa foto è una parte di riscatto. Il riscatto di una bambina di undici anni che durante la ricreazione se ne stava seduta con la sua compagna di banco a disegnare. Sailor Moon scrisse sotto a quel disegno. E Sailor Moon fu l’inizio di una lunga storia. Adesso hanno...

leggi tutto

Nevica

Nevica Ed io torno bambina. A quando fuori faceva freddo e volevi restare a letto ancora un altro po’ e poi ti ricordavi che era la mattina di Natale. Torno indietro nel tempo a quando il passatempo preferito era il gioco di società scartato la sera prima, a quando il...

leggi tutto

PICCOLI DENTINI CRESCONO (era ora!)

Su, piccolino, vieni su, forza! Dai che ce la fai! Oh, ma sei bravo…così, su! Eh, c’è da bucare, lo so, ma ce la puoi fare… vai, vai così!… Ancora un pochino… …ancora un altro pochino…e poi arriv…ECCOTI!!! Premesso che a dieci mesi suonati, ero convinta che mia figlia...

leggi tutto